0 0
Agnolotti di branzino al ragù di gamberetti

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Regola porzioni:
Per pasta fresca
300gr Farina 00
3 Uova
1/2 cucchiaio Olio Evo
Per ripieno
1 spicchio Aglio
1 fettina limone
1 rametto Prezzemolo
1/2 bicchiere Vino bianco
1 Uova
2 rametti Timo
4 cucchiai Pangrattato
1 x spennellare Tuorlo
qb Sale
qb Pepe
Per Sugo
4 Pomodori
2 cucchiai Olio Evo
1 spicchio Aglio
1/4 bicchiere Vino bianco

Informazioni nutrizionali

5,28g
Proteine
130k
Calorie
1,74g
Grassi
23,54g
Carboidrati
0,73g
Zuccheri

Aggiungi ricetta ai segnalibri

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Agnolotti di branzino al ragù di gamberetti

Agnolotti di branzino al ragù di gamberetti

Caratteristiche:
  • Semplice
Cucina:

Impastare a mano (o in una planetaria con il gancio) la farina setacciata, le uova e l’olio.unire alla spigola sminuzzata 1uovo, il timo sminuzzato, sale e pepe a piacere.Amalgamare aggiungendo 4 cucchiai scarsi di pangrattato, fino ad ottenere un composto morbido ma compatto.In una padella capiente scaldare l’olio con lo spicchio d’aglio, quindi versare i gamberetti sgusciati. Portare ad ebollizione una pentola d’acqua salata e versare i ravioli. Quando saranno pronti versarli nel sugo di gamberetti.

  • 65
  • Porzioni 4
  • Medium

Ingredienti

  • Per pasta fresca

  • Per ripieno

  • Per Sugo

Indicazioni

Share

Agnolotti di branzino al ragù di gamberetti

Agnolotti di branzino al ragù di gamberetti primo piatto molto fine e delicato da grandi eventi.

 

Agnolotti di branzino al ragù di gamberetti, disporre tutti gli ingredienti dosati sul piano di lavoro.

Pulire il branzino, togliere le interiora, squamare con l’apposito attrezzo, lavare sotto acqua corrente, asciugare con carte assorbente da cucina.

Posizionare il branzino su di una teglia da forno foderata con carta forno.

Inserire nel taglio sotto la pancia la fettina di limone, l’aglio ed il prezzemolo fresco.

Cuocere a forno caldo a 180°C per 20 minuti. (il pesce è cotto quando l’occhio diventerà opaco).

Irrorare con il vino bianco a metà cottura.

A branzino cotto, spinarlo, ripulirlo e ricavarne la polpa.

Farla raffreddare e tagliarla a pezzettini, sminuzzandola con delle forbici e tenere da parte.

Preparare la pasta per i ravioli:

Setacciare con cura la farina sulla spianatoia, formare la fontana, mettere al centro le uova e un pizzico di sale.

Sbattere con una forchetta di legno le uova.

Incorporare la farina con la punta delle dita, partendo dai bordi della fontana.

Lavorare con le mani il composto per 15-20 minuti, amalgamando bene gli ingredienti e avendo cura di cospargere di tanto in tanto la spianatoia con un poco di farina.

Aggiungere, se fosse il caso, acqua calda.

Continuare in questo modo fino ad ottenere un impasto sodo e omogeneo, quando nella pasta iniziano a vedersi delle bollicine, raccoglierla formando una palla.

Lasciarla riposare in una ciotola per 30 minuti.

Altro modo:

mettere gli ingredienti nella impastatrice con gancio e lavorarli fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, aggiungere acqua calda alla bisogna, velocità 4 per 10 minuti, eventualmente terminare la lavorazione a mano.

Lasciarla riposare in una ciotola per 30 minuti.

Tirare la sfoglia a mano, con il mattarello, o con la macchinetta a manovella o elettrica.(Ampia o Imperia)

Nel primo caso la sfoglia va lavorata ancora con le mani per alcuni minuti e poi appiattita con il mattarello allargandola fino a formare un grande disco di spessore sottile ed omogeneo.

Si lascia riposare per 10 minuti coperta da un telo.

Con la macchina per tirare la pasta Ampia o Imperia

Passare l’impasto 10 volte    sul     N°      1

“              “   1      “      “    “         3

“              “   1      “       “   “         5 o 6

Tagliarla con la rotella formando dei quadrati delle dimensioni  5/6 cm per lato.

 

Ottenuto un impasto omogeneo, coprirlo con della pellicola per alimenti e far riposare per almeno 15 minuti.

Finire di preparare il ripieno: unire alla spigola sminuzzata 1 uovo, il timo sminuzzato, sale e pepe a piacere.

Amalgamare aggiungendo 4 cucchiai scarsi di pangrattato, fino ad ottenere un composto morbido ma compatto.

Formare i ravioli:

mettere delle palline di ripieno sopra ogni quadrato o sopra le strisce di pasta a debita distanza.

sopra i quadrati con il ripieno va posto un altro quadrato di pasta facendo aderire bene i bordi, premendo con le mani attorno al ripieno facendo in modo di far fuoriuscire l’aria.

Di solito si usa fare delle strisce di pasta su cui porre a distanza adeguata il ripieno poi ricoprirle esattamente con altra striscia di pasta facendo aderire bene i bordi, premendo con le mani attorno al ripieno facendo in modo di far fuoriuscire l’aria e tagliare con la rotella ogni agnolotto.

Per preparare in anticipo i ravioli, una volta assemblati infarinarli leggermente, posizionarli distanti l’uno dall’ altro su di un vassoio coperto con carta forno, coprire con una pellicola per alimenti e surgelarli.

Quando sarà il tempo di cucinarli, versarli direttamente congelati nell’ acqua bollente.

Preparare il sugo:

il sugo va preparato prima di servire gli agnolotti.

mettere sul fuoco una pentola di acqua, far bollire e salare leggermente.

Lavare i pomodori, praticare una incisione a croce, servirà per pelarli con facilità.

Sbollentare per pochi secondi i pomodori, scolarli e pelarli eliminando tutta la buccia.
Tagliare la polpa a dadini cercando anche di eliminare i semini interni.

In una padella capiente scaldare l’olio con lo spicchio d’aglio, quindi versare i gamberetti sgusciati, se si usano quelli surgelati gettarli direttamente in padella.

Girare per qualche secondo, sfumare con il vino bianco, lasciar evaporare.

Aggiungere il pomodoro tagliato a pezzetti e cuocere per 2 minuti, togliere l’aglio.

Portare ad ebollizione una pentola d’acqua salata con 1 cucchiaio di olio evo e versare i ravioli.

Il tempo di cottura dipenderà da quanto sarà sottile la sfoglia, può variare dai 2 ai 5 minuti.

Assaggiare un raviolo per controllare il giusto grado di cottura.

Farli saltare nel sugo di gamberetti, servire su piatti individuali ciascun commensale.

(Visited 15 times, 1 visits today)

Recensioni ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa un modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
precedente
Torta al tonno e pomodori
successivo
Cannelloni ripieni
precedente
Torta al tonno e pomodori
successivo
Cannelloni ripieni

Inserisci un commento