0 0
Calamari alla Toscana

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Regola porzioni:
1,2kg Calamari
500gr Bietole
300gr Passata di pomodoro
1 Cipolle rosse
1 spicchio Aglio
1 ciuffetto Prezzemolo
40gr Burro
2 cucchiai Olio Evo
qb Pepe
qb Sale

Informazioni nutrizionali

17,9g
Proteine
173k
Calorie
7,4g
Grassi
7,8g
Carboidrati
1,6g
Zuccheri

Calamari alla Toscana

Calamari alla Toscana

Caratteristiche:
  • Tradizionale

In una padella antiaderente capiente mettere a scaldare l’olio evo ed il burro.
Aggiungere la cipolla tritata, l’aglio tritato e far rosolare bene.
Aggiungere i calamari ad anelli e far rosolare per 20 minuti, fino a doratura, mescolare ogni tanto.
Unire la salsa di pomodoro, sale, pepe e cuocere a fiamma bassa per 120 minuti e mescolare di tanto in tanto.
Aggiungere le bietole, le vescichette col nero e cuocere ancora per 5 minuti a fiamma bassa, mescolare bene.
Spolverizzare con il prezzemolo tritato.

  • 140
  • Porzioni 6
  • Easy

Ingredienti

Indicazioni

Share
Pubblicità

Calamari alla Toscana

I Calamari alla Toscana sono un antipasto o un secondo piatto gustoso e saporito, da proporre in un pranzo o cena a base di pesce.

Per i Calamari alla Toscana disporre tutti gli ingredienti dosati sul piano di lavoro.

Lavare, scolare, le bietole tagliarle grossolanamente e tenere da parte.

Lavare, asciugare con carta assorbente da cucina, le foglie di prezzemolo, tritarle e tenere da parte.

Pulire, lavare, tritare la cipolla e tenere da parte.

Pelare, tritare l’aglio e tenere da parte.

Sciacquare il calamaro sotto acqua corrente.

Prendere il calamaro per la testa con una mano e con l’altra i tentacoli, tirare fino a dividerlo in due parti.

Buttare le interiora che si trovano una parte attaccata ai tentacoli e l’altra all’interno della testa.

Prendere le vescichette contenenti il nero e metterle in una ciotola con acqua tiepida per almeno 30 minuti e tenere da parte.

Infilare un dito nella testa del calamaro e togliere tutti i residui di interiora. Togliere l’osso del calamaro (gladio o penna) situato all’interno della testa.

Sciacquare sotto acqua corrente.

Togliere la pelle del calamaro partendo dalla base della testa verso la parte appuntita.

Fare una piccola incisione alla base, e da lì partire per toglierla.

Sciacquare sotto acqua corrente.

Dai tentacoli, eliminare il becco.

Togliere gli occhi del calamaro con le forbici.

Togliere la pelle dai tentacoli fin dove è possibile.

Se il calamaro è grosso togliere anche le ventose.

Sciacquare sotto acqua corrente.

Tagliare con le forbici i calamari ad anelli e tenere da parte.

In una padella antiaderente capiente mettere a scaldare l’olio evo ed il burro.

Aggiungere la cipolla tritata, l’aglio tritato e far rosolare bene.

Aggiungere i calamari ad anelli e far rosolare per 20 minuti, fino a doratura, mescolare ogni tanto.

Unire la salsa di pomodoro, sale, pepe e cuocere a fiamma bassa per 120 minuti e mescolare di tanto in tanto.

Aggiungere le bietole, le vescichette col nero e cuocere ancora per 8 minuti a fiamma bassa, mescolare bene.

Spolverizzare con il prezzemolo tritato.

 

Servire in tavola su piatto di portata se servito come antipasto o servire ogni commensale su piatto individuale se servito come secondo piatto, aumentando la dose individuale di ogni commensale.

Nota

I Calamari alla Toscana, se serviti come secondo piatto, si accompagnano con verdure cotte o crude a piacere.

Il calamaro (Loligo vulgaris Lamarck, 1798), conosciuto anche come calamaro europeo o calamaro comune.

Il calamaro è un mollusco cefalopode della famiglia Loliginidae.

Il nome comune ha lo stesso etimo di “calamaio”, dal greco kalamos (calamo), che da astuccio per le penne è passato a indicare nel medioevo il vasetto dell’inchiostro, con allusione quindi alla forma del mollusco e al secreto difensivo di colore nero che emette quando minacciato (analogo al nero di seppia). È caratterizzato da una conchiglia interna (detta gladio o penna) e un corpo allungato con pinne laterali che raggiungono l’estremità posteriore della sacca.

Possiede 10 arti ricoperti da più file di ventose, divisi tra 8 braccia e 2 tentacoli, questi ultimi di maggior lunghezza. Il colore è roseo-trasparente con venature rosso scuro e violetta. Raggiunge una lunghezza di 30–50 cm.

Si trova abbondante nelle acque costiere a partire dal mare del Nord fino a quelle del Mar Mediterraneo e lungo la costa occidentale dell’Africa. Questa specie vive dalla superficie fino a profondità di 500 m e viene estensivamente sfruttata dall’industria della pesca.

La riproduzione avviene tra gennaio e luglio, periodo in cui si avvicinano alle coste. La femmina depone uova piuttosto grandi, in ammassi gelatinosi e tubolari.

(Visited 4 times, 1 visits today)
Luciano Bambini
Cavolo Nero alla Fiorentina
precedente
Cavolo Nero alla Fiorentina
Creste di Pollo alla Toscana
successivo
Creste di Pollo alla Toscana
Cavolo Nero alla Fiorentina
precedente
Cavolo Nero alla Fiorentina
Creste di Pollo alla Toscana
successivo
Creste di Pollo alla Toscana

Inserisci un commento

Translate »
Available for Amazon Prime