Cannelloni alla Norcina

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Regola porzioni:
Per Pasta
400gr Farina 00
4 Uova
1 cucchiaio Olio Evo
qb Sale
Per Ripieno
250gr Besciamella
80gr già cotto Cotechino
150gr Mozzarella
50gr Prosciutto crudo
2 Uova
qb Pepe
qb Sale
Per Condire
80gr Burro
80gr Parmigiano Reggiano
500gr Passata di pomodoro
1 cucchiaio Olio Evo
4 foglie Basilico
qb Pepe
qb Sale

Informazioni nutrizionali

7,8g
Proteine
261k
Calorie
5,6g
Grassi
38,5g
Carboidrati
0,7g
Zuccheri

Cannelloni alla Norcina

Cannelloni alla Norcina

Caratteristiche:
  • Tradizionale

Preparare il condimento:
In una padella antiaderente mettere a scaldare il burro.
Aggiungere la passata di pomodoro, il basilico, pepe e sale e cuocere per 25 minuti a fiamma bassa e tenere da parte.
Preparazione del ripieno:
in una ciotola mettere la besciamella, la mozzarella a dadini, il prosciutto crudo tritato, il cotechino cotto tritato, 1 tuorlo, 1 uovo intero, sale, pepe, mescolare bene per amalgamare il tutto e tenere da parte.
Distribuire su ogni rettangolo il ripieno preparato, arrotolare la pasta su sé stessa per formare il cannellone.
Distribuire ordinatamente i cannelloni in una teglia da forno imburrata, condire il tutto con la passata di pomodoro, qualche fiocchetto di burro e spolverizzare tutta la superfice con il parmigiano.
Infornare a forno caldo a 180°C per 20 minuti o a gratinatura della superficie.

  • 60
  • Porzioni 4
  • Easy

Ingredienti

  • Per Pasta

  • Per Ripieno

  • Per Condire

Indicazioni

Share
Pubblicità

Cannelloni alla Norcina

I Cannelloni alla Norcina sono un ottimo primo piatto delicato e saporito da gustare nelle festività natalizie, nel periodo pasquale ed in tutte le occasioni importanti di famiglia.

Per i Cannelloni alla Norcina
disporre tutti gli ingredienti dosati sul piano di lavoro.

Pubblicità

Lavare, asciugare con carta assorbente da cucina,
le foglie di basilico e tenere da parte.

Sul piano di lavoro tritare la fetta di prosciutto crudo
ed il cotechino cotto e tenere da parte.

Sul piano di lavoro tagliare a dadini la mozzarella
e tenere da parte.

 

Preparare la besciamella:

Ingredienti:

  • 250cl latte
  • 20gr burro
  • 20gr farina
  • sale
  •  pepe
  • noce moscata

In una pentola mettere a scaldare il latte con sale,
pepe e noce moscata, fino al raggiungimento del punto di fumo
cioè 80/90° C (non bollire).

In un’altra pentola mettere a sciogliere il burro,
una volta sciolto aggiungere la farina
e girare il tutto con una frusta.

Quando il burro e la farina cuociono
aggiungere un po’ di olio di arachidi.
(roux)

Togliere il roux dal fuoco
e versarlo nel latte.

Il roux serve a dare densità alla besciamella.

Cuocere fino a quando il latte non bolle
diventando denso (per circa 10 minuti)
sempre mescolando con un cucchiaio al silicone.

Oppure acquistare 250gr di besciamella già pronta.

 

Preparare il condimento:

In una padella antiaderente
mettere a scaldare il burro.

Aggiungere la passata di pomodoro,
il basilico, pepe e sale e cuocere per 25 minuti a fiamma bassa
e tenere da parte.

 

Preparazione del ripieno:

in una ciotola mettere la besciamella,
la mozzarella a dadini, il prosciutto crudo tritato,
il cotechino cotto tritato, 1 tuorlo, 1 uovo intero,
sale, pepe, mescolare bene per amalgamare il tutto
e tenere da parte.

 

Preparazione della pasta all’uovo:

Setacciare con cura la farina sulla spianatoia,
formare la fontana, mettere al centro le uova,
l’olio evo e un pizzico di sale.

Sbattere con una forchetta di legno le uova.

Incorporare la farina con la punta delle dita,
partendo dai bordi della fontana.

Lavorare con le mani il composto per 15-20 minuti,
amalgamando bene gli ingredienti
e avendo cura di cospargere di tanto in tanto
la spianatoia con un poco di farina.

Aggiungere, se fosse il caso,
acqua calda.

Continuare in questo modo fino ad ottenere
un impasto sodo e omogeneo,
quando nella pasta iniziano a vedersi delle bollicine,
raccoglierla formando una palla.

Lasciarla riposare in una ciotola per 30 minuti.

Altro modo:
mettere gli ingredienti nella impastatrice con gancio
o con l’impastatore a fruste ritorte e lavorarli
fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo,
aggiungere acqua calda alla bisogna,
velocità 4 per 10 minuti,
eventualmente terminare la lavorazione a mano.

Lasciarla riposare in una ciotola per 30 minuti.

Tirare la sfoglia a mano, con il mattarello,
o con la macchinetta a manovella o elettrica.
(Ampia o Imperia)

Nel primo caso la sfoglia va lavorata ancora con le mani
per alcuni minuti e poi appiattita con il mattarello
allargandola fino a formare un grande disco di spessore sottile
ed omogeneo.

Si lascia riposare per 10 minuti coperta da un telo.

Con la macchina per tirare la pasta Ampia o Imperia

Passare l’impasto 10 volte    sul     N°       1

“              “   1      “        “       “         3

“              “   1      “        “       “         5 o 6

Tagliare dalle strisce di pasta, con la rotella,
dei rettangoli da 10×8 cm.

E’ importante evitare di infarinare la sfoglia al termine della sua preparazione,
altrimenti non si attacca quando viene ripiegata per racchiudere il ripieno.

Far prendere il bollore ad una pentola piena d’acqua leggermente salata,
immergere i rettangoli di pasta, aggiungere nell’acqua bollente
qualche goccia di olio per evitare che la pasta fresca si attacchi
e sbollentarli per 3 minuti dalla ripresa del bollore.

Prelevare i rettangoli di pasta con una paletta forata,
depositarli su di un canovaccio pulito ad asciugare.

Distribuire su ogni rettangolo il ripieno preparato,
arrotolare la pasta su sé stessa per formare il cannellone.

Distribuire ordinatamente i cannelloni in una teglia da forno imburrata,
condire il tutto con la passata di pomodoro,
qualche fiocchetto di burro
e spolverizzare tutta la superfice
con il parmigiano.

Infornare a forno caldo a 180°C
per 20 minuti o a gratinatura della superficie.

 

Servire in tavola nella teglia
o ad ogni commensale,
porzionata, su piatto individuale.

 

 

 

 

Nota

I Cannelloni alla Norcina sono uno dei primi piatti tipici della cucina tradizionale Umbra.

Il prosciutto crudo è un salume tipico italiano (prodotto agroalimentare tipico italiano) ottenuto dalla salatura a secco dalla coscia del maiale, in particolare da animali che hanno raggiunto un peso intorno ai 150 kg.

Specialità ottenute dallo stesso taglio anatomico in nazioni diverse dall’Italia assumono nomi specifici e non possono essere assimilate al prodotto italiano, soprattutto in virtù del fatto che la specificità del prosciutto crudo italiano risiede nelle particolari tecniche produttive e nella stagionatura in microclimi specifici.

Le prime notizie della produzione di prosciutto in Italia possono ricondursi alla civiltà Etrusca del VI E V secolo A.C., ma soprattutto alla civiltà dell’antica Roma, esiste tuttora una via romana denominata “Panisperna” (panis=pane e perna=coscia di maiale).

Le testimonianze di storici dell’epoca romana non mancano, ed infatti Ippocrate nel V secolo A.C. considerava la carne di maiale ” quella che fornisce più energia al corpo e la più digeribile”.

Ancora, Catone nel II secolo A. C. nel suo De Agricoltura spiegava i metodi di conservazione della coscia di suino.

Il maiale che abita per lo più nella Maremma Toscana e nella Pianura Padana è considerato fonte di sostentamento ideale. Inoltre grazie ai processi messi in atto, seppur in maniera ancora rudimentale, diviene il pasto più facile per gli eserciti.

La conservazione a lunga durata per i tempi permetteva a questo prodotto di essere una provvista eccellente e duratura, in grado di fornire anche le proteine necessarie per essere fonte di sostentamento per qualche giorno.

Il prosciutto crudo si ottiene tramite salatura e successiva stagionatura della coscia (arto posteriore) del maiale; tale taglio di carne è detto infatti “prosciutto”. In nessun caso può essere utilizzato il termine “prosciutto crudo” per definire specialità salate ottenute da altre parti anatomiche del suino, ivi compresa la spalla.

Il prosciutto crudo viene conciato a secco e lavorato con sale marino. Alcuni disciplinari di prosciutti DOP escludono tassativamente l’impiego di conservanti, mentre nella maggior parte dei prosciutti prodotti in Italia è consentito l’uso di nitrati nelle quantità previste dalla legge. L’utilizzo di nitrati è comunque molto raro. Dopo la salatura iniziale e l’inizio dei processi di fermentazione, il prosciutto crudo viene stagionato (e in questa fase perde una buona percentuale di acqua: la parola prosciutto deriva, infatti, dal latino perexsuctum che significa “prosciugato”).

Dal punto di vista prettamente tecnico, il processo di stagionatura può essere equiparato a quello di una naturale mummificazione per disidratazione

Alcune varietà italiane di prosciutto sono: Prosciutti di Parma in essiccazione, prosciutto del Carso, p. di Carpegna, p. di casaletto, p. di Castelnuovo, prosciutto di cinta senese, p. di Cormons, p. di Cuneo, p. di Faeto, p. di Faleria, p. di Modena, p. di Monte, p. dei Nebrodi, p. di Norcia, p. di Parma, p. di Pietraroja, p. di San Daniele, p. Toscano, prosciutto Pratomagno, prosciutto Veneto-Berico- Euganeo, p. Sardo, p. di Sauris, Jambon de Bosses, p. di Trevico, p. di Venticano, prosciutto di  Villagrande Strisaili.

(Visited 17 times, 1 visits today)
Chef Ricettiamo

Chef Ricettiamo

La mia collezione personale di ricette. Provale sono tutte state preparate e provate personalmente. Buon appetito :D

Calzoni alla Molisana
precedente
Calzoni alla Molisana
Canocchie alla Romana
successivo
Canocchie alla Romana
Calzoni alla Molisana
precedente
Calzoni alla Molisana
Canocchie alla Romana
successivo
Canocchie alla Romana

Inserisci un commento

Available for Amazon Prime