0 0
Caponata Ligure

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Regola porzioni:
8 Filetti di acciuga sotto sale
3 cucchiai Capperi sotto sale
160gr Olive verdi snocciolate
8 Gallette di pane
3 cucchiai Olio Evo
1 cucchiaio Aceto di mele
qb Sale

Informazioni nutrizionali

28,9g
Proteine
210k
Calorie
9,7g
Grassi
1,1g
Carboidrati
0,5g
Zuccheri

Caponata Ligure

Caponata Ligure

Caratteristiche:
  • Tradizionale

Caponata Ligure
In una ciotola con acqua e aceto mettere in ammollo le gallette di pane, strizzarle un po’ con le mani e distribuirle su tutta la superfice di un piatto di portata.
Distribuire sopra le gallette i filetti di acciuga, i capperi, le olive snocciolate ed irrorare con olio evo e sale.

  • 20
  • Porzioni 4
  • Easy

Ingredienti

Indicazioni

Share
Pubblicità

Caponata Ligure

La Caponata Ligure è un antipasto gustoso e saporito ideale per un pranzo od una cena in famiglia o con amici o per un buffet.

Per la Caponata Ligure
disporre tutti gli ingredienti dosati sul piano di lavoro.

Pubblicità

Lavare sotto acqua corrente i filetti di acciuga,
asciugare con carta assorbente da cucina,
spezzettarle con le mani e tenere da parte.

Lavare sotto acqua corrente i capperi,
asciugare con carta assorbente da cucina,
strizzarli con le mani e tenere da parte.

Lavare sotto acqua corrente le olive verdi snocciolate,
asciugare con carta assorbente da cucina e tenere da parte.

In una ciotola con acqua e aceto mettere in ammollo le gallette di pane,
strizzarle un po’ con le mani e distribuirle su tutta la superfice di un piatto di portata.

Distribuire sopra le gallette i filetti di acciuga,
i capperi, le olive snocciolate ed irrorare con olio evo e sale.

 

Servire in tavola
direttamente sul piatto di portata preparato.

 

 

Nota

La Caponata Ligure è un piatto versatile si può servire come antipasto o come contorno a carni e pesci.

L’acciuga o alice (Engraulis encrasicolus (Linnaeus, 1758)) è un pesce osseo marino appartenente alla famiglia Engraulidae di grande importanza economica. Acciuga deriva dal latino volgare apiua o apiuva per il classico aphyē, dal greco ἀφύη aphýē, nome di un piccolo pesce. Il termine alice, di area italiana meridionale, napoletana e siciliana (alici), deriva dal latino hallēx, allēx, alēc, hallēc o allēc, -ēcis, una salsa simile al garo, fatta con interiora fermentate di pesce, e a sua volta dal greco ἁλυκόν halykón, da confrontare con ἁλυκίς halykís (“salamoia”)

La specie è diffusa nell’Oceano Atlantico orientale, tra la Norvegia ed il Sud Africa. È presente e comune anche nei mari Mediterraneo , Nero e D’Azov. Alcuni esemplari sono stati catturati nel canale di Suez; si tratta quindi di una delle poche specie di pesci mediterranei che hanno intrapreso una migrazione verso il Mar Rosso in senso contrario a quello dei migranti lessepsiani. Si alimenta di giorno. Si nutre di zooplacton, le prede principali sono crostacei copepodi e stadi larvali di molluschi.

L’acciuga è una delle specie ittiche più importanti per le marinerie del mar Mediterraneo e dell’Oceano Atlantico temperato caldo europeo. La sua cattura avviene con vari metodi (reti da strascico, reti da posta, ecc.), ma principalmente con un’apposita rete da circuizione nota come ciànciolo, in cui i banchi di acciughe e altri piccoli pesci pelagici vengono attratti da fonti luminose (lampàre). Nell’area mediterranea il bacino più produttivo risulta il mar Adriatico con l’80% dello sbarcato italiano. La misura minima per la commercializzazione nella UE è di 9 cm.

L’acciuga ha carni buone che vengono consumate sia fresche (ad esempio ripiene), sia conservate in svariati modi: sotto sale, sott’olio, come pasta d’acciughe, ecc. Le acciughe conservate entrano a loro volta in numerose ricette; ad esempio in Piemonte, dove in passato grazie alla conservazione sott’olio o sotto sale erano uno dei pochi pesci di mare tradizionalmente disponibili, oltre che alla base della bagna càuda sono utilizzate come antipasto sotto forma di acciughe al verde.

È oggetto, soprattutto nel mar Adriatico, di sovvrapesca. Si stima che la sola flotta di Chioggia in estate rigetti in mare tra le 6 e le 9 tonnellate al giorno di acciughe (e sardine) morte, per ogni coppia di navi, a causa del prezzo di mercato non remunerativo. Gli stock ittici si sono notevolmente ridotti nell’arco degli ultimi decenni.

(Visited 11 times, 1 visits today)
Chef Ricettiamo

Chef Ricettiamo

La mia collezione personale di ricette. Provale sono tutte state preparate e provate personalmente. Buon appetito :D

Bucatini alle Cozze
precedente
Bucatini alle Cozze
Tartare alla Piemontese
successivo
Tartare alla Piemontese
Bucatini alle Cozze
precedente
Bucatini alle Cozze
Tartare alla Piemontese
successivo
Tartare alla Piemontese

Inserisci un commento

Available for Amazon Prime