Cavolini di Bruxelles con Besciamella

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Regola porzioni:
1/2 litro Latte Per Besciamella
35gr Farina 00 Per Besciamella
35gr Burro Per Besciamella
3 grattate Noce moscata Per Besciamella
1 pizzico Pepe Per Besciamella
1 pizzico Sale Per Besciamella
1kg Cavolini di Bruxelles
1 bicchiere Latte
40gr Burro
25gr Parmigiano Reggiano
qb Pepe
qb Sale

Informazioni nutrizionali

2,55g
Proteine
36k
Calorie
0,5g
Grassi
7,1g
Carboidrati
1,74g
Zuccheri

Aggiungi ricetta ai segnalibri

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Cavolini di Bruxelles con Besciamella

Cavolini di Bruxelles con Besciamella

Caratteristiche:
  • Tradizionale

In una pentola piena di acqua bollente leggermente salata, mettere a lessare i cavolini, a metà cottura, 7 minuti, scolarli, passarli sotto acqua corrente fredda, metterli a sgocciolare su carta assorbente da cucina e tenere al dente.
In una padella antiaderente capiente mettere a scaldare il burro.
Aggiungere i cavolini e terminare la cottura, 10 minuti circa, rigirandoli ogni tanto.
Mettere i cavolini di Bruxelles su di un piatto di portata, coprirli con la besciamella preparata e cospargerli con il parmigiano.

  • 30
  • Porzioni 6
  • Easy

Ingredienti

Indicazioni

Share

Cavolini di Bruxelles con Besciamella

I Cavolini di Bruxelles con Besciamella sono un contorno od un secondo piatto particolare e sfizioso, anche vegetariano, ideale per un pranzo od una cena con familiari ed amici.

Per i Cavolini di Bruxelles in Besciamella
disporre tutti gli ingredienti dosati sul piano di lavoro.

Lavare, togliere le prime foglie ai cavolini,
asciugare con carta assorbente da cucina, e tenere da parte.

Preparare la besciamella con ½ litro di latte, 35gr burro,
35gr farina, 1 pizzico sale, pepe, noce moscata:

In una pentola mettere a scaldare il latte con sale, pepe e noce moscata,
fino al raggiungimento del punto di fumo cioè 80/90° C (non bollire).

In un’altra pentola mettere a sciogliere il burro,
una volta sciolto aggiungere la farina e girare il tutto con una frusta.

Quando il burro e la farina cuociono
aggiungere un goccio di olio di arachidi. (roux)

Togliere il roux dal fuoco e versarlo nel latte.

Il roux serve a dare densità alla besciamella.

Aggiungere il parmigiano, cuocere e mescolare
fino a quando il latte non bolle diventando denso
(per circa 10 minuti) e tenere da parte.

In una pentola piena di acqua bollente leggermente salata,
mettere a lessare i cavolini, a metà cottura, 7 minuti, scolarli,
passarli sotto acqua corrente fredda,
metterli a sgocciolare su carta assorbente da cucina
e tenere al dente.

In una padella antiaderente capiente mettere a scaldare il burro.

Aggiungere i cavolini, farli insaporire mescolandoli.

Versare il latte e terminare la cottura,
a fiamma moderata, per 10 minuti o fino all’assorbimento del latte.

Mettere i cavolini di Bruxelles su di un piatto di portata,
coprirli con la besciamella preparata e cospargerli con il parmigiano.

Servire in tavola su piatto di portata
o ad ogni commensale su piatto individuale.

 

 

Nota
Il cavolo di Bruxelles è una cultivar di Brassica oleracea. La parte commestibile è costituita dai germogli ascellari della pianta, i cavolini o cavoletti di Bruxelles. Questa cultivar è nota anche come Brassica oleracea var. gemmifera DC., nome ritenuto sinonimo di Brassica oleracea.

I germogli ascellari, di forma globulare, crescono alla base delle foglie principali e sono costituiti da foglioline embricate, l’una che copre una o due sottostanti, come i carciofi. Il portamento di questa pianta ricorda il cavolo nero toscano e la coltura è molto simile.

Per crescere, la pianta, predilige un clima fresco, tipico del nord Europa. È però sensibile alle temperature troppo basse, oltre che al caldo eccessivo.

I cavolini, solitamente, vengono consumati cotti al vapore e poi spalmati con un po’ di burro. A volte viene aggiunto del limone. Ma ci sono svariate ricette che si ispirano a questa verdura.

Quando vengono cotti, tutti i cavoli emanano un cattivo odore perché sono ricchi di composti di zolfo, che vengono liberati dalla cottura.

I solfuri, in gran parte svaniscono al 90% dopo 8 minuti di cottura, e l’estrazione è totale dopo 16 minuti.

Tuttavia, tutti i cavoli contengono anche sostanze nutrizionali molto utili, per le quali è stato ipotizzato anche una funzione di prevenzione del cancro. Poiché tali sostanze si disperdono con la cottura, alcuni ricercatori suggeriscono di cuocerli nella pentola a pressione, in modo da ridurre sia il tempo di cottura sia la perdita di tali sostanze, ottenendo anche una minor diffusione di cattivi odori.

È molto utile, nei casi in cui è possibile, ad esempio in insalata e nei crauti, usare anche i cavoli non cotti, dato che essi contengono in condizione non modificata sostanze utili, anche composti dello zolfo, e vitamine, infatti alcune vitamine, come la vitamina C, si degradano con la cottura.

Per limitare il cattivo odore, emanato dai cavoli, mettere nell’acqua di cottura 1 foglia di alloro.

(Visited 3 times, 1 visits today)

Recensioni ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa un modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
precedente
Vitello Dorato in Padella
successivo
Galletta alla Francese
precedente
Vitello Dorato in Padella
successivo
Galletta alla Francese

Inserisci un commento

Translate »
Available for Amazon Prime