0 0
Cullurielli Calabresi

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Regola porzioni:
1kg Farina 00
1kg Patate
25gr Lievito di birra
1/2 litro olio arachidi
50gr Zucchero a velo
2 cucchiai Cannella
qb Sale

Informazioni nutrizionali

1,87g
Proteine
87k
Calorie
1,1g
Grassi
20,2g
Carboidrati
1,1g
Zuccheri

Cullurielli Calabresi

Cullurielli Calabresi

Caratteristiche:
  • Tradizionale

Dall’impasto ottenuto ricavare delle bisce dello spessore di 1cm e lunghezza di 20cm, unire i loro capi in modo che assumano la forma di ciambelle.
Depositare i cullurielli su di una placca da forno rivestita da carta da forno ed
infornare a forno spento a lievitare per almeno 60 minuti.
In una padella antiaderente mettere a scaldare l’olio di arachidi.
Aggiungere i cullurielli, friggerli in ogni loro parte, girandoli ogni tanto fino a doratura completa.
Depositarle su carta assorbente da cucina per far rilasciare l’olio in eccesso.
Distribuire ordinatamente i cullurielli su di un piatto di portata e spolverizzali con la cannella in polvere e lo zucchero a velo.

  • 40
  • Porzioni 12
  • Easy

Ingredienti

Indicazioni

Share
Pubblicità

Cullurielli Calabresi

I Cullurielli Calabresi o cururicchi o cuddureddi sono i dolci tipici delle feste natalizie, alcuni già li preparano per la festa dell’Immacolata (8 Dicembre).

Per i Cullurielli Calabresi disporre tutti gli ingredienti dosati sul piano di lavoro.

In una ciotola far sciogliere il lievito di birra in poca acqua tiepida e tenere da parte.

Lavare le patate sotto acqua corrente.

In una pentola piena di acqua bollente leggermente salata, mettere a lessare le patate, scolarle, sbucciarle, metterle in una ciotola capiente e schiacciarle con una forchetta al fine di ottenere una purea.

Aggiungere il lievito di birra sciolto e amalgamare bene fino ad ottenere un impasto molto morbido.

Unire la farina, sale e poco per volta acqua tiepida fino ad ottenere un impasto morbido, omogeneo e liscio, impastando con le mani.

Dall’impasto ottenuto ricavare delle bisce dello spessore di 1cm e lunghezza di 20cm, unire i loro capi in modo che assumano la forma di ciambelle.

Depositare i cullurielli su di una placca da forno rivestita da carta da forno ed

infornare a forno spento a lievitare per almeno 60 minuti.

In una padella antiaderente mettere a scaldare l’olio di arachidi.

Aggiungere i cullurielli, friggerli in ogni loro parte, girandoli ogni tanto fino a doratura completa.

Depositarle su carta assorbente da cucina per far rilasciare l’olio in eccesso.

Distribuire ordinatamente i cullurielli su di un piatto di portata e spolverizzali con la cannella in polvere e lo zucchero a velo.

Servire in tavola su piatto di portata o su alzatina per dolci.

 

 

Nota

I Cullurielli Calabresi sono dolci della tradizione calabra e più precisamente di Cosenza.

I Cullurielli Calabresi si possono servire per dessert o per merenda per i più piccoli.

La patata è un tubero commestibile ottenuto dalle piante della Specie Solanum tuberosum, molto utilizzato a scopo alimentare previa cottura. Originaria delle Ande, la patata fu domesticata nella regione del lago Titicaca e divenne uno degli alimenti principali degli Inca, che ne svilupparono un gran numero di varietà per adattarla ai diversi ambienti delle regioni da loro abitate.

I primi europei a conoscere la patata furono i Conquistadores spagnoli del Perù: la prima descrizione scritta della pianta risale al 1537. La patata giunse in Europa intorno alla metà del XVI secolo: è segnalata in Spagna nel 1573, un po’ più tardi nei Paesi Bassi ed in Italia (allora possedimenti spagnoli), in Inghilterra nel 1588 (portatavi da Walter Raleigh), in Germania alla fine del secolo. In Italia venne chiamata tartuffolo o tartufo bianco. Presente nei giardini botanici, a lungo il suo rilievo nell’agricoltura e nell’alimentazione fu marginale, e veniva considerata un cibo adatto prevalentemente agli animali.

La patata si affermò soltanto a partire dalla metà del XVIII secolo, quando il rapido incremento della popolazione in Europa, con l’aumento delle necessità di cibo, rese necessaria l’adozione di coltivazioni, come la patata ed il mais, che avevano un rendimento maggiore rispetto ai cereali. La patata poteva fornire una quantità di calorie di 2-4 volte superiore a parità di superficie coltivata rispetto al frumento, alla segale e all’avena; inoltre aveva tempi di maturazione minori.

I modi per preparare le patate sono vari. Le patate possono essere cotte con la buccia o senza, intere o a pezzi, con condimenti o senza. La cottura è sempre necessaria per scomporre gli amidi. La maggior parte delle preparazioni a base di patate sono servite calde. In alternativa – come nel caso dell’insalata di patate e delle patatine fritte – le patate possono essere servite anche fredde.

Le ricette più comuni sono quelle del purè di patate, preparato con patate bollite, pelate e schiacciate, cui in seguito si aggiungono latte e burro. Vi sono poi le patate cotte intere al forno; le patate bollite o cotte al vapore; tagliate in cilindri o in dischi e poi fritte; tagliate a cubetti e cotte al forno; cotte in casseruola e condite con salse dense; tagliate a cubetti o in fette e fritte; tagliate alla julienne e fritte; possono essere altresì usate per fare gnocchi, rosti e focacce. Tagliate in pezzi, le patate sono un ingrediente comunemente usato nello spezzatino.

Le patate sono molto popolari in Europa. In Italia sono utilizzate per preparare gnocchi e purè, oppure accompagnano i pasti bollite, arrostite o saltate; di solito vengono consumate senza buccia. Tra i piatti regionali, citiamo l’mbriulata siciliana e la pitta pugliese, il gâteau di patate tipico soprattutto inLazio, Campania e Calabria. In Svizzera accompagnano la raclette, oppure, nel rosti, ormai quasi un piatto nazionale, sono grattugiate e poi cotte. Le patate sono anche l’ingrediente principale di molte minestre o zuppe. In Irlanda il “side plate” (piattino laterale sempre presente nelle tavole apparecchiate) ha precisamente la funzione di accogliere una, due o più patate sempre in accompagnamento a qualsiasi secondo piatto. Se con il primo (solitamente una zuppa) in tavola era presente del pane, viene portato via perché carni e pesce si accompagnano con verdure miste ma soprattutto e sempre con patate bollite.

Le patate schiacciate sono un ingrediente importante di molti piatti inglesi, come la shepherd’pie. Le patate novelle sono considerate prelibate in Europa Settentrionale (Danimarca, Svezia, Finlandia): servite lesse e insaporite con aneto, fanno da contorno alle aringhe del Baltico. Il piatto nazionale della cucina lituana, gli cepelinai, è una sorta di gnocco, ottenuto da patate grattugiate e ripieno di carne e/o formaggio.

Si dice scherzosamente che gli inglesi parlino soprattutto del tempo atmosferico; ebbene invece gli irlandesi, immancabilmente, ad ogni pasto disquisiscono sulla bontà e la qualità delle patate, tanto più apprezzate quanto più farinose e capaci quindi di trattenere il burro salato che si usa per condirle. “Ball of flour” (palla di farina) è il miglior “complimento” per una patata in Irlanda. Molti (ma non tutti) la mangiano con la buccia. Persino nei ristoranti cinesi in Irlanda, qualsiasi piatto prevede, oltre ai classici tipi di riso, l’accompagnamento di patate fritte.

(Visited 4 times, 1 visits today)
Luciano Bambini
Melanzane alla Calabrese
precedente
Melanzane alla Calabrese
Risotto alla Siciliana
successivo
Risotto alla Siciliana
Melanzane alla Calabrese
precedente
Melanzane alla Calabrese
Risotto alla Siciliana
successivo
Risotto alla Siciliana

Inserisci un commento

Translate »
Available for Amazon Prime