Funghi Trifolati in Terracotta

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Regola porzioni:
600gr Funghi
1 spicchio Aglio
1 cucchiaio Olio Evo
1 ciuffo Prezzemolo
qb Pepe
qb Sale

Informazioni nutrizionali

2,17g
Proteine
30k
Calorie
0,47g
Grassi
5,29g
Carboidrati
2,34g
Zuccheri

Aggiungi ricetta ai segnalibri

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Funghi Trifolati in Terracotta

Funghi Trifolati in Terracotta

Caratteristiche:
  • Tradizionale

Mettere, in una pentola di terracotta, con lo spargifiamma sotto, 1 cucchiaio di olio evo a scaldare a fiamma moderata.
Aggiungere l’aglio, soffriggerlo per 3 minuti.
Togliere l’aglio e mettere i funghi preparati, abbassare la fiamma, mettere il suo coperchio di terracotta sulla pentola e cuocere per 60 minuti a fiamma bassa, mescolare bene.
Togliere il coperchio, salare, pepare, aggiungere il prezzemolo fresco tritato e mescolare bene.
Cuocere per altri 4 minuti, eventualmente a pentola scoperta per far evaporare l’acqua in eccesso, togliere dal fuoco, aggiungere altro prezzemolo fresco e mescolare.

  • 80
  • Porzioni 4
  • Easy

Ingredienti

Indicazioni

Share


Funghi Trifolati in Terracotta

I Funghi Trifolati in Terracotta si possono utilizzare come condimento per paste o riso, come semplice contorno a secondi piatti di carne o come secondo piatto vegetariano.

Per i Funghi Trifolati in Terracotta
disporre tutti gli ingredienti dosati sul piano di lavoro.

Lavare, asciugare con carta assorbente da cucina:

  • le foglie di prezzemolo, tritarle e tenere da parte
  • i funghi delicatamente con carta assorbente da cucina,
    tagliarli a fette e tenere da parte.

Pelare l’aglio
e tenere da parte.

Mettere, in una pentola di terracotta,
con lo spargifiamma sotto,
1 cucchiaio di olio evo a scaldare
a fiamma moderata.

Aggiungere l’aglio,
soffriggerlo per 3 minuti.

Togliere l’aglio e mettere i funghi preparati,
abbassare la fiamma,
mettere il suo coperchio di terracotta sulla pentola
e cuocere per 60 minuti a fiamma bassa,
mescolare bene.

Togliere il coperchio, salare, pepare,
aggiungere il prezzemolo fresco tritato e mescolare bene.

Cuocere per altri 4 minuti,
eventualmente a pentola scoperta per far evaporare l’acqua in eccesso,
togliere dal fuoco, aggiungere altro prezzemolo fresco
e mescolare.

 

Servire in tavola nella pentola di terracotta
o ad ogni commensale su piatto individuale.

 

 

Nota
Con i Funghi Trifolati in Terracotta si può condire un risotto, in questo caso utilizzare più olio in modo da creare il sughetto per condire la pasta o il riso.

I Funghi Trifolati in Terracotta risultano più saporiti ed appetitosi cotti nella pentola di terracotta.

I funghi commestibili, in senso comune sono in genere un’ampia gamma di specie di macromiceti. Molte sono commercialmente coltivate, ma altre devono essere raccolte in natura. Agaricus bisporus, venduto come fungo champignon (dal termine francese indicante genericamente i funghi macroscopici) è una specie comunemente mangiata, viene usato in insalate, minestre, e molti altri piatti. Molti funghi asiatici sono coltivati su scala commerciale e hanno via via aumentato la propria popolarità in Occidente. Spesso sono disponibili freschi in negozi e supermercati, tra cui funghi di muschio , funghi ostrica.

Ci sono molte più specie di funghi che vengono raccolti dal loro ambiente naturale per il consumo personale o per la vendita commerciale (prataioli, spugnole, finferli, tartufi, trombette, galletti e funghi porcini) e per tale motivo la domanda impone un prezzo elevato sul mercato. Essi sono spesso utilizzati nei piatti d’alta cucina e di cucina tipica.

Alcuni tipi di formaggi richiedono l’inoculazione di cagliata di latte con le specie fungine che conferiscono un sapore unico e la consistenza particolare del formaggio. Alcuni esempi sono il blu di formaggi come Stilton e Roquefort, che sono fatti per inoculazione con Penicillium roqueforti. I ceppi utilizzati nella produzione di formaggio non sono tossici e sono quindi sicuri per il consumo umano, tuttavia, micotossine come aflatossine, roquefortine C , patulina, o altre possono accumularsi a causa della crescita di altri funghi durante la stagionatura e la conservazione errata.

Molte specie di funghi sono velenose per l’uomo, con differenti gradi di tossicità, da complicazioni gastrointestinali più o meno lievi fino ad effetti più gravi come allucinazioni, gravi danni agli organi (ad esempio fegato o reni) e la morte.

I generi che comprendono le più note specie tossiche mortali sono Conocybe, Galerina, Lepiota, Gyromitra e Cortinarius, ma le specie più pericolose appartengono al genere Amanita, che comprende anche specie commestibili. Le specie Amanita verna, Amanita virosa e Amanita phalloides sono responsabili dei più frequenti avvelenamenti mortali da funghi. La Gyromitra esculenta è da alcuni considerata una prelibatezza quando è bollita, ma può esser molto tossica se mangiata cruda o poco cotta. Il  Tricholoma equestre è stato a lungo considerato commestibile, finché non è stato individuato come responsabile di rari episodi di avvelenamento: un consumo eccessivo di questo fungo ha causato in alcuni casi rabdomiolisi anche mortale.

L’Amanita muscaria è anche causa occasionale di avvelenamenti, anche a seguito di ingestione per l’uso come droga, per i suoi effetti allucinogeni dovuti a fenomeni tossici. Storicamente, questa specie è stata utilizzata da diversi popoli in Europa ed Asia per il suo utilizzo religioso o sciamanico. L’uso viene segnalato in alcuni gruppi etnici come il popolo Koryak del nord-est della Siberia. Poiché è difficile individuare con precisione un fungo sicuro, senza un’adeguata formazione e conoscenza, è spesso consigliato di assumere che un fungo selvatico sia velenoso e quindi non consumarlo. Esistono anche dei funghi allucinogeni che contengono psilocibina.

I funghi vanno comunque consumati, in genere e se non se ne è mai fatto un uso precedente, saltuariamente ed in modiche quantità in quanto spesso contengono carboidrati complessi e poco comuni negli altri alimenti, primo tra tutti, la chitina, che appesantiscono il lavoro dell’apparato digerente. La risposta dell’organismo a simili stimoli è spesso strettamente individuale, escludendo i casi di allergia ed intolleranza alimentare, la dotazione enzimatica dell’organismo umano atta a digerire queste molecole è estremamente variabile e personale.

 

Funghi Trifolati

 

 

 





(Visited 7 times, 1 visits today)

Recensioni ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa un modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
precedente
Zuppa di Legumi in Terracotta
successivo
Zuppa di Pesce in Terracotta
precedente
Zuppa di Legumi in Terracotta
successivo
Zuppa di Pesce in Terracotta

Inserisci un commento

Translate »