Risotto Zafferano Robiola e Salvia in Terracotta

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Regola porzioni:
300gr Riso Carnaroli
100gr Robiola
1 bustina Zafferano
1 Cipolle rosse
8 foglie Salvia
1 bicchiere Vino bianco secco
2 cucchiai Olio Evo
qb Brodo vegetale
qb Noce moscata
qb Pepe
qb Sale

Informazioni nutrizionali

2,36g
Proteine
130k
Calorie
0,3g
Grassi
28,73g
Carboidrati
0,8g
Zuccheri

Aggiungi ricetta ai segnalibri

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Risotto Zafferano Robiola e Salvia in Terracotta

Risotto Zafferano Robiola e Salvia in Terracotta

Caratteristiche:
  • Tradizionale

Mettere in una pentola di terracotta, con lo spargifiamma sotto, 2 cucchiai di olio evo.
Aggiungere la cipolla rossa tritata finemente e farla imbiondire, a fuoco moderato per 3 minuti.
Unire il riso e tostarlo per 2 minuti mescolando con un cucchiaio di legno.
Aggiungete il vino bianco e lasciar sfumare.
Mescolare, abbassare la fiamma, cuocere per 20 minuti aggiungendo, quando necessario, il brodo vegetale caldo 1 mestolo alla volta, aggiungere un altro mestolo solo quando il precedente si è assorbito.
A riso quasi cotto unire la salvia tritata finemente, la noce moscata e una abbondante macinata di pepe nero.
Continuare a mescolare fino ma cottura.
Spegnere la fiamma e aggiungere la robiola e lo zafferano, mescolare bene.

  • 40
  • Porzioni 4
  • Easy

Ingredienti

Indicazioni

Share


Risotto Zafferano Robiola e Salvia in Terracotta

Il Risotto Zafferano Robiola Salvia in Terracotta è un primo piatto molto gustoso e delicato, ottimo da servire in pranzi e cene con amici o parenti.


Per il Risotto Zafferano Robiola e Salvia in Terracotta
disporre tutti gli ingredienti dosati sul piano di lavoro.

Lavare, asciugare con carta assorbente da cucina,
le foglie di salvia, tritarle finemente e tenere da parte.

Pulire, lavare, tritare la cipolla finemente e tenere da parte.

Preparare il brodo vegetale e tenere da parte (VEDI STEP).
Mettere in una pentola di terracotta, con lo spargifiamma sotto,
2 cucchiai di olio evo.

Aggiungere la cipolla rossa tritata finemente e farla imbiondire,
a fuoco moderato per 3 minuti.

Unire il riso e tostarlo per 2 minuti mescolando con un cucchiaio di legno.

Aggiungete il vino bianco e lasciar sfumare.

Mescolare, abbassare la fiamma, cuocere per 20 minuti aggiungendo,
quando necessario, il brodo vegetale caldo 1 mestolo alla volta,
aggiungere un altro mestolo solo quando il precedente si è assorbito.

A riso quasi cotto unire la salvia tritata finemente,
la noce moscata e una abbondante macinata di pepe nero.

Continuare a mescolare fino ma cottura.

Spegnere la fiamma e aggiungere la robiola e lo zafferano,
mescolare bene.


Servire in tavola nella pentola di terracotta
decorata con foglie salvia.

 

 

Nota
Lo zafferano ([ʣaffeˈra:no) è una spezia che si ottiene dagli stigmi del fiore del Crocus sativus, conosciuto anche come zafferano vero, una pianta della famiglia delle Iridacee. La pianta di zafferano vero cresce fino a 20–30 cm e dà fino a quattro fiori, ognuno con tre stigmi color cremisi intenso. Gli steli e gli stigmi vengono raccolti e fatti seccare per essere usati principalmente in cucina, come condimento e colorante. Lo zafferano, annoverato tra le spezie più costose del mondo, è originario della Grecia o dell’Asia Minore e fu coltivato per la prima volta in Grecia. Come clone geneticamente monomorfo, si è diffuso lentamente per la maggior parte dell’Eurasia e più tardi è stato portato in aree del Nord Africa, dell’America del Nord e dell’Oceania.

Ha costituito nel Medioevo l’unica spezia commerciata in Occidente di provenienza indigena. Attualmente la produzione iraniana di zafferano rappresenta il 90% di quella mondiale.

Il termine zafferano è attestato nella lingua italiana dal XIV secolo e deriva dall’arabo zaʿfarān (زَعْفَرَان)[6], che equivale al persiano zaâfara, termine indicante il croco. La parola è giunta alla lingua italiana attraverso la forma del latino medioevale safaranum, da cui deriva anche la forma spagnola azafran.

Circa il 90% della produzione mondiale di zafferano arriva dall’Iran.

In Italia lo zafferano viene prodotto in diverse regioni, con il riconoscimento di denominazione di origine protetta per lo zafferano aquilano (Abruzzo, provincia dell’Aquila), lo zafferano di Sardegna (provincia del Sud Sardegna) e lo zafferano di San Gimignano (Toscana, provincia di Siena). Altre zone di coltivazione nella penisola sono a Montegiorgio, nelle Marche, e a Cascia e Città della Pieve, in Umbria.

Gli stigmi vanno raccolti a mano, con delicatezza, per non rovinarli. Per un chilo di spezia occorrono circa centoventimila fiori. Per questo motivo i pistilli di zafferano costano almeno 12.000 euro al chilo. A seconda delle varietà dei bulbi e dei climi la raccolta dei fiori avviene fra ottobre e novembre.





(Visited 3 times, 1 visits today)

Passaggi

1
fatto

DADO VEGETALE

Ingredienti: 250gr sale grosso – 300gr carote - 200gr sedano - 2 cipolle grandi (o 1 cipolla+ ½ porro) - 2 spicchi d'aglio - 10 foglie di salvia - 1 rametto rosmarino - 1 mazzetto prezzemolo - 4 vasetti Bormioli da 250gr –

Ricoprire col sale grosso il fondo di una pentola in acciaio a fondo spesso e disporre sopra le verdure mondate, lavate e tagliate a pezzi non troppo piccoli e gli aromi. Mettere il coperchio e cuocere a fiamma bassa per 1 ora.
Cotte le verdure, frullarle, con minipimer ad immersione, con tutto il liquido che avranno rilasciato ed il sale non ancora sciolto.
A questo punto si possono intraprendere 2 vie:
una prevede la trasformazione del composto in "dado granulare" l'altra detta ”fase umida” prevede che dopo aver frullato tutto si invasi, si chiudano ermeticamente i vasetti e si capovolgano per fare il sottovuoto.
I vasetti si possono mettere in frigorifero o in luogo fresco ed asciutto, durano più di un anno. Le dosi di riferimento sono: 1 cucchiaino equivale ad 1 dado industriale. Con il dado preparato può essere utilizzato per tutte le preparazioni in cui è richiesto l’uso di dado o brodo vegetale.

Recensioni ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa un modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
precedente
Moscardini al Vino Bianco in Terracotta
successivo
Spezzatino con Patate in Terracotta
precedente
Moscardini al Vino Bianco in Terracotta
successivo
Spezzatino con Patate in Terracotta

Inserisci un commento

Translate »